FAIL (the browser should render some flash content, not this).

Notizie

Cerca

UNO SPAZIO PER VOI
PDF Stampa E-mail
Scritto da Administrator   
Giovedì 07 Gennaio 2010 11:30

RIFIUTI PERICOLOSI E NON

 

La gestione dei rifiuti per le Aziende e' una componente molto importante non solo per la spesa di smaltimento ma anche per tutte le responsabilità a capo anche del Produttore.

In sintesi.

Avviare un rifiuto allo smaltimento con modalità corrette  diviene  fondamentale diversamente possono configurarsi situazioni con aggravi pecuniari anche di notevole rilievo ed anche  penali.

Quindi, cosa fare?

 

  • Pensare al rifiuto semplicemente come ad un costo di produzione e non come un costo aggiuntivo che non vorremmo valutando non solo l'aspetto economico;
  • Valutare bene le implicazioni derivanti da manovre inesatte non solo nella gestione amministrativa ma anche in quella tecnica.
Percio', senza prendere in considerazione le palesi situazioni da reato,

il "cosa serve?"
il " e' corretto smaltire come faccio?"
il " come avvio allo smaltimento il mio rifiuto?"
il "c'e' una normativa di riferimento?"
il "sono a posto?"

.......insomma i pensieri che dovrebbe avere un accorto Produttore sono di fondamentale importanza.

La Materia e' in continua evoluzione e necessita di attenzioni calibrate.

ASE

 

In occasione di sopralluoghi in Aziende  possono essere accertate  modalità gestionali anomale che dovrebbero essere  corrette con l'obiettivo di una REGOLARIZZAZIONE alla Normativa.

Di seguito, per sensibilizzare alla cosa, riportiamo alcune sanzioni applicabili per condotte irregolari.

Certamente comunque il campo e' molto piu' esteso:

 

(....)

 

 

  • Abbandono o deposito incontrollato sul suolo, sottosuolo o immissione nelle acque di rifiuti non pericolosi da parte del Titolare di impresa = Penale con arresto da 3 mesi ad un anno oppure ammenda da € 2.600 a 2.6000 .......
  • Abbandono o deposito incontrollato sul suolo, sottosuolo o immissione nelle acque di rifiuti pericolosi (....) =Penale con arresto da 6 mesi ai due anni,  ammenda da 2.600 € a 26.000 € ... Oblazione non concessa.
  • False indicazioni nella predisposizione di un certificato di analisi (natura, caratteristiche fisico chimiche, ...) = Penale con reclusione sino ai due anni. Oblazione non concessa.
  • Miscelazione di rifiuti pericolosi di categorie diverse ovvero miscelazione di rifiuti non pericolosi con pericolosi = arresto dai 6 mesi ai due anni e ammenda dai € 2.600 ai 26.000 €.
  • Deposito temporaneo non lecito configura discarica non autorizzata (...)
  • Spedizioni di rifiuti in modo da costituire traffico illecito = arresto sino a due anni e ammenda sino a 26.000 € maggiorate in caso di rifiuti pericolosi.
  • Chiunque configuri il traffico illecito di rifiuti al fine di conseguire un ingiusto profitto (equivalente al risparmio per il cedente) = reclusione da uno a sei anni.
(......)

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Ultimo aggiornamento Giovedì 28 Dicembre 2017 11:33